Alimentazione e salute

Alimentazione  e  Salute

“Alimentazione” deriva dal greco altho: far crescere,
“nutrire” dal latino, con il primo significato: allattare un fanciullo al seno.
“Dieta” deriva invece dal greco diaita: modo di vivere.

Cominciamo con alcuni fatti:
Ogni mese mangiamo una quantità che equivale più o meno al peso del nostro corpo. Ogni anno mangiamo quasi una tonnellata di cibo.

Sin dall’inizio dell’industrializzazione all’anno 1800 il nostro regime alimentare ha cambiato drasticamente: l’assunzione di cereali è diminuita di 70%, il consumo di prodotti cereali integrali addirittura di 90%. L’assunzione di fibre alimentari si è ridotta di approssimativamente 70%. In pari tempo il consumo di grassi è aumentato di 10% e di proteine animali di 20%, il consumo di zucchero bianco è aumentato di 100%. Il consumo di sale è aumentato di 50%, mentre quello del potassio è diminuito di 60%.

Con l’industrializzazione e il cambio dell’alimentazione concomitante sono svanite tante malattie infettive (a causa degli antibiotici) e nel contempo sono nate malattie nuove, a volte chiamate “malattie del benessere”.

Nei paesi industrializzati nasce l’ipertensione sanguigna. Nei paesi che sono in fase d’industrializzazione come l’India e la Cina, l’ipertensione sta aumentando in modo scattante, ma non nelle regioni rurali. In seguito all’ipertensione aumentano le malattie connesse dell’apparato circolatorio. Inoltre aumentano l’obesità, il diabete, le allergie e il cancro.

I nostri antenati hanno avuto un legame più forte con la natura e con questo un istinto sano per l’alimentazione. Sicuramente erano anche costretti a un certo regime alimentare, perché semplicemente non hanno avuto le nostre possibilità tecnologiche.
Oggi prevale una veduta tecnica e materiale sull’alimentazione. Si dice: “l’uomo è ciò che mangia”. Questa una visione limitata riduce l’uomo al livello delle sostanze nutritive che assume. Visto che le malattie del benessere sono aumentate, emerge la domanda: come si può trovare una risposta adeguata e con essa salute e guarigione?

La qualità:
Un primo pensiero riguarda la qualità degli alimenti. Ci sono ricerche che dimostrano che la verdura biologica contiene 50% e il latte biologico contiene addirittura 90% antiossidanti in più del convenzionale. Il contenuto elevato di minerali e vitamine inoltre è stato confermato.
I concimi artificiali usati nell’agricoltura convenzionale hanno l’effetto di nutrire le piante in modo isolato. La pianta non ha più bisogno di ricavare le sostanze nutritive naturali dal terreno, ma le riceve (in formula sintetica) bello e pronto alle radici. A volte nelle coltivazioni di verdura le piante non crescono nel terreno, ma in un tessuto di fibre, irrorato con concimi e pesticidi dissolte nell’acqua.

La qualità significa che la pianta cresce in un modo che è naturale per essa. Di conseguenza le sostanze nutritive sono contenute in quantità sufficiente e sotto forma naturale, assumibile per l’uomo. Non ci dovrebbero essere contaminazioni con residui chimici o di rimedi. Per la prevenzione e la cura di malattie la qualità dei cibi è essenziale. Ci sono anche differenze nella qualità delle proteine, dei carboidrati e dei grassi. La proteina in un buon yogurt, latticello è meglio della proteina del formaggio su una pizza.

Malattie del benessere:
Come descritto in alto, l’alimentazione e lo stile di vita sono cambiati tanto sin dall’epoca dell’industrializzazione all’inizio dell’ottocento.
Ma sembra che c’è qualcosa che non quadra. Spesso non si conosce l’origine, la causa delle malattie.

L’organismo umano è configurato di essere in contatto con sostanze naturali. Oggi abbiamo però centinaia di sostanze artificiali, sintetiche, che sembrano “sicure”, ma l’uomo non è stato “fatto” per esse. Siamo in contatto con centinaie di sostanze sintetici: concimi, pesticidi, conservanti, rimedi, ormoni, vitamine, coloranti, ecc. Anche attraverso la respirazione assumiamo tante sostanze. Siamo in contatto contanti raggi e onde diverse, addirittura il sole diventa critico per l’uomo. Attraverso i sensi assumiamo ciò che ci suggeriscono i media ela tecnologia. Anche questo sono influssi che bisogna “digerire”.
Nella medicina complementare si presume che la causa del cancro per 80 – 90 % sono le sostanze tossiche o semitossiche artificiali, di cui spesso non si conosce nemmeno l’effetto sull’uomo.

In generale, cosa possiamo fare?
Il lavoro sul campo materiale e sostanziale dell’alimentazione conduce alla conoscenza di che cosa sia salutare. Con lo studio entriamo in relazione concreta con gli alimenti. La relazione cosciente con i diversi cibi oggi è diventato una necessità. Automaticamente scegliamo cibi salutari perché sappiamo del loro effetto, intuiamo il loro valore.
Scegliamo un’alimentazione basata sui cereali che costituiscono una base stabile e adeguata per l’uomo. Scegliamo alimenti che provengono dall’agricoltura biologica o biodinamica, perché sperimentiamo una differenza e vediamo anche l’aspetto etico.
Ci mettiamo in relazione con gli alimenti e la natura in generale che noi come esseri umani diventiamo creativi e con ciò ridiamo qualcosa alla natura. Si sviluppa empatia e immedesimazione nella natura e partendo da tali qualità si impara a plasmare la natura che risponde alle sue leggi.

Il lavoro sul campo materiale e sostanziale dell’alimentazione è un primo passo verso una condotta e un’impostazione della vita più consapevoli.

Il contrario sarebbe: mangiare in modo solo goloso, facilmente digeribile, facilmente da preparare. Vediamo anche il risultato di un tale regime alimentare.

Oppure: possiamo guardare alla qualità del cibo.
Cosa e come mangiamo.
Possiamo osservare l’effetto dei diversi alimenti sull’uomo: sugli anziani, i bambini, sul lavoro, sulla concentrazione, sulla stabilità e l’apertura dello stato d’animo.
Un buon cuoco ha sicuramente un buon rapporto con gli alimenti.

Si può andare alla scoperta dei miracoli degli ingredienti della natura e della loro connessione con l’essere umano.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...